Nuovo studio sui regimi boccia le diete e invita ai “noiosi” suggerimenti della sanità pubblica

Nuovo studio francese sulle diete Nutrinent Santé considerato anche da noi italiani per l’Istituto nazionale ricerca alimenti e nutrizione. Vediamone alcuni punti, alcuni stupefacenti:



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


  • 106 mila intervistati sul concetto dell’accettazione di sé e percezione di efficacia delle diete,

  • Quasi la metà degli intervistati ha dichiarato di mettersi a dieta non per migliorare la propria salute ma per “sentirsi meglio con se stessi”,

  • 2 donne su 3 e metà degli uomini hanno dichiarato che vorrebbero pesare di meno. Espresso però da metà delle donne e un quarto degli uomini che sono effettivamente normopeso!,

  • 9 donne su 10 dichiarano di aver fatto più di 10 diete nella loro vita.

E i risultati? Gli studi francesi dicono che non sono affatto brillanti… Cito il testo:


“Le persone che hanno seguito una gran varietà di regimi dimagranti sono proprio quelle che ne denunciano la maggiore inefficacia. Sia perché non sono dimagrite, o sono addirittura ingrassate, sia perché a distanza di sei mesi hanno recuperato l’eventuale peso perduto, spiega Hercberg”

Pollice verso alle diete, che sono limitanti. Pollice in su alle classiche indicazioni nutrizionali, spesso noiose ma efficaci – dicono nell’articolo. “Ripetitive” direi io. Perché la ripetizione è la madre del successo.

Sentite un po’: 76 persone su 100 che seguono indicazioni nutrizionali corrette, come quelle della sanità pubblica diciamo, sono riuscite a mantenere la linea a lungo termine, che sorpresa?.

Altro dato emerso dalla ricerca io lo abbraccio a pieno e non ho mai capito chi ci si incapinisse: le diete cervellotiche, cioè quelle sul quando, quanto pesa, cosa combinato, diverso dagli altri commensali, ecc. procurano senso di frustrazione e stress.

La conclusione della ricerca: seguire le raccomandazioni dettate dalle strutture pubbliche sanitarie e non pretendere risultati rapidi. Mi pare un ottimo consiglio.

Buon non regime a tutti e buon senso a tutti,
Debora



Aggiungi al tuo calendario la data del prossimo corso di Giusto Peso Per Sempre a MILANO


iCalendar, Google Calendar, Outlook, Outlook Online, Yahoo! Calendar












Rendi oggi il tuo dimagrimento facile e duraturo. Torna alla tua forma, senza sforzi e in libertà. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online o il corso dal vivo.




Enuresi diurna: pipì a 4 anni risolta in 10 giorni!

Perché non riesco a dimagrire?

Tre errori da evitare per coltivare la tua Intelligenza Emotiva

La negoziazione fluida: dal politico alla mamma

5 situazioni per diventare genitori migliori

Come far dimagrire tuo figlio o tua figlia ... senza dirglielo

Submodalità visive per motivarsi fino al traguardo

Visualizzazione per la fiducia nel coach

Comportamento oppositivo: cosa fare?

Hai l'ossessione della bilancia?

Sei la mia ragione di vita: ma per piacere!  - Podcast

Tecniche di PNL nel processo di prendere decisioni

Potrebbe piacerti anche…

Le 7 mosse furbe di Giusto Peso Per Sempre
151.751
Segui 7 mosse furbe semplici per dimagrire a tavola e anche per qualsiasi spuntino. Sono le sette mosse che hanno reso famoso il metodo GIUSTO PESO PER SEMPRE e che aiutano a rispettare la fame vera e la giusta sazietà. Le 7 mosse servono a ridare il potere perduto al proprio stomaco e a gestire l’e...
E se mi sveglio per mangiare di notte?
160.002
Non è una cosa così rara in effetti. Per automatismo spesso, alcune persone si svegliano per mangiare di notte in uno stato di dormiveglia. Ho incontrato diverse persone che avevano questo problema e devo dire che è stato risolto abbastanza facilmente, spesso con un minimo intervento da parte mia e ...
Mangiare ciò che piace
149.715
Come faccio a mangiare ciò che piace senza avere sensi di colpa o mangiare “male”? Me ne parla una ragazza che seguo in coaching. Prima mangia uno yogurt, poi le gallette di riso e poi la tanto desiderata pizza. Ma non faceva prima a mangiarsi una sana fetta di pizza? Gustarla e assaporarla? Non sar...
Chiara: da 82 kg a 62 kg. Nell’armadio SOLO taglia 42
62.912
Ho cominciato ad avere problemi di peso a 19 anni. Fino ad allora ero stata una bambina prima e una ragazzina poi mangiona sì, robusta e molto sportiva: tenevo sotto controllo le conseguenze del mio terribile appetito con tanto movimento fisico. Poi venne l’anno dell’esame di maturità: smisi di fare...
Mosse per dimagrire… partendo dal tuo stomaco
122.680
“Debora, cosa devo fare per dimagrire?” Ecco la tipica domanda che mi viene posta sia negli incontri di coaching sia ai corsi. La primissima mossa che suggerirei non è una delle mosse per dimagrire a tavola o comportamentale, è linguistica: sostituiamo il “devo” con un bel “voglio”. Cambia tutto, ve...

Comments 4

  1. Sì, sono d’accordo, anche se non trovo poi nessuna unicità nelle raccomandazioni dettate dai nutrizionisti. Senza guardare alle mode passeggere, mi pare che il mondo sia diviso a meta fra i fautori della piramide alimentare, che riducono le proteine in favore delle fibre e dei carboidrati, e i fanatici dell’indice glicemico, che invece riducono fortemente i carboidrati, soprattutto quelli raffinati, in favore delle proteine.
    Nel dubbio ascolto il mio corpo: quando riduco i carboidrati IO mi sento meglio. Magari per altri non è così.
    Ciao Debora!

    1. Post
      Author

      Mi permetto Fabiana, io ridurrei tutto, in generale… certo tranne una sana insalata 🙂
      A parte la battuta, per chi ci legge bisogna stare attenti a dire che la piramide alimentare promuove i carboidrati in favore delle proteine, piuttosto promuove un giusto equilibrio. Teniamo anche conto che i carboidrati si trovano anche nelle verdure e non soltanto in pane e pasta. E che pane e pasta esistono anche in versione integrale, per chi per esempio tende a gonfiarsi.
      Grazie e ciao a te cara Fabiana,
      Deb

  2. Buongiorno Debora,
    sto leggendo (sono ormi alla fine) il libro The China Study di T. Collin Cambpell. Lo hai letto? Cosa ne pensi?

    1. Post
      Author

      Ciao Licia,
      convengo che dobbiamo tutti (tutto il mondo) ridurre il consumo di proteine animali, per noi ma anche per un discorso di sostenibilità. Vedi tutti i campi che producono esclusivamente mangime per bestiame!! Anyway. D’altro canto non mi sono mai piaciuti gli estremismi, infatti, a suo favore, il dott Campbell è professionale e molto corretto nel mostrare i suoi dati… e basta. Cosa manca al momento presente è vedere come si ammalano di cancro i vegani e perché. Sarebbe utile avere un riscontro per capire come il cibo incide insieme a inquinamento esterno e chimica interna, prodotta da nostro umore emotivo (visto che sistema nervoso e immunitario sono legati).
      Detto questo, io stessa promuovo l’uso di verdure per diversi motivi, sostengo la cucina vegana perché sana. Non mi piace pensare a una causa sola per la genesi di malattie, troppo semplicistico.
      Un abbraccio
      Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *